La signora coniglio bianco di Gilles Bachelet

È tardi è tardi ormai! Chi possiede il copyright di questa frase? Ma il Bianconiglio di Alice nel paese delle meraviglie ovviamente! Adorate anche voi il cartone animato della Disney e prima ancora il libro di Lewis Carroll su cui è basato? Io l’ho apprezzato tardi perché da piccola non ne coglievo bene il senso (o il non senso) e mi metteva addosso parecchia inquietudine (e un po’ me ne mette ancora in realtà!) ma poi l’ho amato. A casa delle nipotine che babysittero tutti i pomeriggi ho scoperto un libro che ci porta dietro le quinte del famoso racconto e più precisamente nella vita privata del Bianconiglio. Lo sapevate che è sposato ed ha figli?

bianconiglio

No non lo sapevo neanche io che il Bianconiglio tenesse ‘a famigghia e l’ho scoperto leggendo “La signora coniglio biancodi Gilles Bachelet, edito da Rizzoli. Un libro delizioso con immagini splendide che ci racconta la vita familiare del Bianconiglio di Alice dal punto di vista della moglie casalinga molto frustrata. I coniugi hanno ben sei figli (da bravi conigli!) e tutto il lavoro di accudimento familiare spetta alla signora coniglio bianco. È lei che deve occuparsi della gestione della casa e delle esigenze di figli di varie età e vari capricci mentre il marito è al lavoro e perennemente in ritardo su tutto.

la signora coniglio bianco

Il diario della vita quotidiana scritto dalla signora coniglio bianco è tuttaltro che roseo tra camice da stirare, piatti da lavare e una vita da scrittrice a cui ha dovuto rinunciare. Non è facile gestire tutte sole una famiglia piena zeppa di conigli poco collaborativi ed un marito che è sempre assente e molto pigro, soprattutto poi se la vita che si sognava era ben diversa. La signora coniglio bianco si lamenta parecchio ed ha il musetto un po’ incazzoso ma il racconto è divertentissimo e accompagnato da immagini meravigliose e simpatiche incursioni dei personaggi del celebre racconto di Lewis Carroll.

alice coniglio bianco

Situazioni della vita quotidiana al limite dell’esasperazione, a volte surreali ma spesso vere che abbiamo provato un po’ tutti e proprio per questo divertenti. Ci si ride sopra insieme ai bambini sperando di avere un compagno molto meno assente del Bianconiglio però!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...