Parliamo di barattoli: calma e gioia venite a noi!

No, non mi sono data ai post di cucina e non stiamo per fare una conserva di pomodori. I barattoli possono però tornarci molto utili per dedicarci a due attività facili ma d’effetto da fare con i bambini o per noi stessi se ci sentiamo agitati, nervosi o siamo in un periodo in cui non riusciamo a focalizzarci sulle cose perché vortichiamo nella bolla dello stress. Ci serve un aiutino, qualcosa o qualcuno che ci riporti al momento presente, faccia ordine nella nostra mente e ci dica “ehi calma,hai anche tante cose belle intorno a te”. Serve anche a voi vero? Ora vi spiego come fare.

  1. Costruiamo il barattolo della calma o calming jar. Questa è un’attività che fa parte del metodo Montessori e che potete utilizzare quando vi trovate alle prese con un bambino piccolo che ha le crisi isteriche da capriccio selvaggio e non ne vuole sapere di calmarsi. Ma anche su voi stessi se avete la stessa sensazione ma qualche anno di più sulle spalle. È semplicemente un metodo per ritrovare un po’ di tranquillità. Innanzitutto vediamo cosa ci serve:
  • Un barattolo vuoto e trasparente che può essere quello della passata di pomodoro che avete finito ma anche un semplice flacone trasparente in plastica (ad esempio una bottiglietta dell’acqua o uno dei flaconcini che si utilizzano per le ricariche)
  • Acqua calda (ma non troppo!!)
  • Colla liquida glitterata
  • Brillantini colorati
  • Colorante alimentare
  • Un bastoncino lungo di legno per girare il composto

Come si fa? Facile e veloce, a prova di impediti. Versate dell’acqua calda nel barattolo, versateci dentro la colla glitterata in quantità abbondante  e mescolate bene col bastoncino finchè la colla non si è amalgamata. Aggiungete una goccia di colorante alimentare e continuate a girare bene. Aggiungete poi anche i brillantini e mescolate ancora. Sigillate bene il coperchio del barattolo, magari con della colla a caldo. Agitando il barattolo o rigirandolo sottosopra otterrete così tanti brillantini che si muovono nell’acqua colorata e che- o almeno così dicono- hanno un effetto calmante se vi concentrate ad osservarli.

barattolo della calma

2) Il barattolo della felicità o della gratitudine. Il concetto è simile a quello del gratitude journal di cui vi ho parlato poco tempo fa. Anche qui ci serve un barattolo vuoto e trasparente da riempire. Quello che dobbiamo metterci dentro però non sono glitter e colle colorate ma pensieri belli. Si tratta infatti di un esercizio di psicologia positiva ideato dalla scrittrice Elizabeth Gilbert, quella di “Mangia prega ama” per capirci. L’Happines jar consiste appunto in un barattolo da riempire ogni giorno- o almeno il più spesso possibile- con un pensiero positivo su di noi e sulla nostra vita scritto su un foglietto di carta colorato. Ci scriviamo la data,lo pieghiamo e lo mettiamo dentro al barattolo.

barattolo-della-gratitudine c+b

(immagine tratta dal blog di C+b)

Può essere una cosa bella che ci è successa quel giorno, un ricordo, un’emozione, una canzone che abbiamo sentito, un film, un progetto, un obiettivo raggiunto. Possiamo poi tirare fuori un bigliettino a caso in un momento di sconforto oppure lasciarli là se non ci va, fate voi. Questo esercizio utilissimo è rivolto soprattutto agli adulti ma se volete far iniziare a focalizzare i bambini sulle cose belle della loro vita beh non è niente male.

Che ne dite, ci provate?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...