“Una serie di sfortunati eventi”: Netflix colpisce ancora

Ve ne avevo parlato nel post con i 5 suggerimenti di cose belle da vedere su Netflix con i bambini. L’avevo fatto sulla fiducia ma ci ho preso in pieno (tsè tsè). D’altra parte le premesse erano ottime e la curiosità dopo aver visto anni fa il film con Jim Carrey era alle stelle, anche se ammetto di non aver letto i libri. I piccoli fratelli Beaudelaire mi aspettavano ed ho divorato la serie. Se avete bambini grandicelli con un po’ di senso dell’umorismo non esitate a godervi una bella maratona insieme sul divano. E’ disponibile una prima stagione da 8 episodi che scorrono via veloci e vi faranno amare Netflix ancora di più (ma su quello mi sa che state messi già molto bene come me).

Di cosa parla

La storia – sia  nella serie tv che nei libri – ci viene narrata da Lemony Snicket, che è anche uno dei personaggi della storia (seppur periferico). I protagonisti sono i piccoli Klaus Violet e Sunny Baudelaire, tre fratelli che perdono tragicamente i genitori in un incendio. In assenza di altre figure più autorevoli (e anche per una serie di magheggi e sotterfugi) vengono quindi dati in affidamento al Conte Olaf: uno strampalato e cattivissimo attore teatrale che ha come unico obiettivo quello di impadronirsi della loro fortuna, perché i Baudelaire sono molto molto ricchi. I Baudelaire provano quindi in tutti i modi di sfuggire al perfido conte Olaf cercando di essere affidati ad altri tutori ma sembrano essere perseguitati dal malvagio conte ovunque vadano… Da qui mille avventure tutte da gustare che non voglio raccontarvi.

una-serie-di-sfortunati-eventi-baudeaire

Perché vederlo

  • Klaus, Violet e Sunny sono dei bambini speciali e adorabili: Violet ha un talento straordinario nell’inventare strumenti e soluzioni, Klaus è un grande conoscitore di libri e Sunny seppur poppante ha un’innata simpatia e doti intuitive. Dei personaggi che restano nel cuore.
  • E’ una storia surreale, assurda e allo stesso tempo piacevole nel suo essere impostata con il tipico ritmo della narrazione delle fiabe per bambini.
  • Alterna alla perfezione momenti seri e “alti” grazie ad un lessico variegato, spiegazioni di parole nuove e citazioni a momenti umoristici e divertenti. I due registri comici e drammatici si mescolano benissimo: è una storia un po’ macabra e con situazioni drammatiche ma allo stesso tempo buffa, bizzarra, ricca di umorismo nero e situazioni assurde.
  • Ha un’estetica meravigliosa che è stata definita come un perfetto mix tra Tim Burton e Wes Anderson. Tutta la serie ha un’atmosfera retrò ed uno stile unico e riconoscibile che sembra sospeso in un tempo indefinito.
  • E’ una serie leggera e divertente ma allo stesso tempo ricca e profondo. Una serie perfettamente godibile a vari livelli anche dagli adulti.

Voi l’avete già vista? Che ne pensate?

 

Cosa vedere con i bambini su Netflix: 5 consigli

A scrivere questo post siamo io e Holly, la cagnolina nuova arrivata in famiglia dal canile con furore  meno di un mese fa. E’ domenica dopo pranzo, siamo sul divano col termosifone al massimo e un plaid sulle gambe perché fuori si gela e c’è aria di neve (anche se a Roma qualcuno ci salvi da questa sciagura), il sonno che incombe, tanta sana pigrizia ma anche voglia di buttar giù i pensieri sullo schermo. E mi è venuto in mente che la domenica d’inverno senza impegni particolari e col brutto tempo va passata in totale relax in compagnia di Netflix. Ecco la premessa è che se non avete ancora fatto l’abbonamento lo dovete fare e non ve ne pentirete. Certo diminuirà la vostra voglia di vita sociale ma dai si può correre questo rischio! Vabbè io divoro serie su Netflix quindi sono di parte…

Ecco allora 5 suggerimenti random di contenuti Netflix dedicati ai bambini ma – come al solito in questo blog –  niente male anche per i grandi. Su Netflix c’è tutta una sezione kids appunto dedicata ai più piccoli dove trovate una vastissima scelta per gusti ed età diverse, Non rimanerne soddisfatti è impossibile! Ecco cosa vi consiglio io per iniziare.

  • Trollhunters: del regista Guillermo del Toro e prodotta dalla Dreamworks è una serie tv in 26 episodi in esclusiva Netflix. Per bambini (non piccolissimi) è ben strutturata, non ripetitiva, avvincente, vivace e confezionata per intrattenere in allegria sul divano tutta la famiglia. I protagonisti sono 3 ragazzini, Jim, Tobias e Claire che vivono nella città di Arcadia sotto la quale si trova una vasta popolazione di trolls. Jim un giorno si imbatte in un amuleto che lo investirà del ruolo di protettore del trolls buoni dando il via ad una serie di avventure che si intrecciano con la vita reale e normalmente banale di tutti i ragazzini.

trollhunters

  • Shrek: chi non conosce il grosso orco verde e buono Shrek, ciuchino, Fiona e il gatto con gli stivali? Per voi sarà una piacevole riscoperta e per i bambini un primo incontro entusiasmante e divertente.

locandina-shrek

  • Kung fu panda: anche la saga del panda Po e gli insegnamenti zen del maestro Shifu sono una garanzia di umorismo, azione e tenerezza da godersi insieme in una domenica oziosa.

kung-fu-panda

  • Lego movie: per tutti gli amanti dei mattoncini più famosi del mondo, il film è la storia di Emmet un personaggio Lego ordinario e obbediente a cui viene affidata la missione di salvare il mondo.

the-lego-movie

  • Sta poi per arrivare dal 13 gennaio “Lemony Snicket una serie di sfortunati eventi”, una serie prodotta da Netflix tratta dai libri omonimi e dall’omonimo film del 2004. Narra le avventure di tre orfani che alla morte dei genitori vengono affidati al malvagio conte Olaf, interessato solo ad impossessarsi del loro soldi. Ha un grande cast e promette molto bene per cui anche io non vedo l’ora di vederla.

lemony-snicket-netflix

Mina e il Guardalacrime: la prima fiaba Bonbon di Vanessa Navicelli

Avete presente quelle giornate storte, malinconiche, in cui il mondo ci sembra brutto e cattivo? Se non siete extraterrestri ve ne sarà capitata più di una. I bambini – anche se in modo minore – non ne sono immuni perché è il gioco della vita alternare alti e bassi ed imparare a farvi fronte meglio che possiamo. Spesso però basta poco per cambiare tutto e riportare la giornata dritta. Che sia qualcuno che ci aiuta a rimettere le cose in prospettiva guardandole dal lato giusto o semplicemente arrivi lì a darci un abbraccio oppure che si tratti di una piccola coccola come un libro, una cioccolata calda, una caramella o un bel film in tv poco importa. Quello che conta è rialzarsi e ricominciare a sorridere apprezzando quello che si è in quel momento della vita. Allora prendete il nuovo libro di Vanessa Navicelli ed iniziate a sorridere perché così sarà sicuramente.

mina-e-il-guardalacrime_copertina-leggera“Mina e il Guardalacrime” è il primo libro di una collana di fiabe per bambini dai 4 anni (ma non solo) chiamate Bonbon tutte da scartare ed assaporare piano per immergersi in un mondo magico ricco di speranza. Ogni fiaba affronta un tema ed è associata ad un colore, in questo caso il blu come inizio a cui seguiranno poi gli altri. E devo dire che si parte alla grande con questa favola che attraverso una piccola lacrima affronta in modo dolce e delicato il tema delle emozioni negative (o considerate tali) come la tristezza. Si inizia con una filastrocca simpatica per poi procedere nel racconto tenero e poetico da cui ci si sente avvolti come fosse una carezza in una brutta giornata.

6

La protagonista della fiaba è LacriMina detta Mina, una piccola lacrima che un giorno sfugge al conto del Guardalacrime (un mago incaricato di contare e tenere sotto controllo le lacrime) per andarsi a buttare in una pozzanghera, stanca di portare solo tristezza nei cuori delle persone. Mina incontra vari personaggi bizzarri (una nota musicale,una risata, una goccia di rugiada, un salice piangente ecc.) durante il suo percorso di ricerca ma nessuno riesce a tirarla su di morale perché la piccola lacrima non è consapevole del suo valore e crede di portare solo negatività nelle vite degli altri. Sembra essere in piena crisi depressiva! Ci viene quasi da tirarla fuori dal libro ed abbracciarla noi!


A mettere le cose sotto una prospettiva diversa ci penserà però il Guardalacrime che la ritrova giusto in tempo prima che si getti nella pozzanghera dell’autocommiserazione. Sarà lui a spiegarle la sua importanza e a farle capire che deve essere fiera di sé stessa dandole di nuovo speranza, leggerezza e gioia: “Sei nata da una magia Mina, da una magia del cuore”. L’insegnamento per i più piccoli e per noi è quello di credere sempre in sé stessi, avere stima di sé per quello che si è dandosi il giusto valore. A volte non è facile riconoscerlo ma siamo tutti dotati di un talento o di una capacità che ci rende speciali e l’affetto di chi ci vuole bene può aiutarci a capirlo.

Vanessa è anche una mia amica ed una persona speciale ma non sono di parte dicendo che questa fiaba è un piccolo dolce Bonbon da regalare ai più piccoli e leggere insieme – magari per Natale – per un successo assicurato. Lo trovate online su Amazon . Mina vi aspetta!

5 cose che sto imparando dallo yoga (utili anche per mamme sotto stress)

Pratico yoga ormai da due anni e più entro in contatto con il mio corpo e la mia mente in modo approfondito più mi accorgo di quanto questi due disgraziati si diano da fare per essere due cose separate che fanno fatica ad andare d’accordo. Ci sono giorni migliori e giorni invece in cui ho il collo bloccato, le spalle rigide, la schiena dolorante, l’occhio che traballa per lo stress e la testa che viaggia da qui a quante magliette ho da stirare mentre invece dovrei rilassarmi stesa sul tappetino pensando solo al qui ed ora. No non sono psicopatica ma la capacità di rilassarmi non è mai stata il mio forte, ecco. Ci stiamo lavorando. Vorrei quindi condividere con voi qualche insegnamento che mi sta dando lo yoga, utile in situazioni di stress in cui ci troviamo tutti e ancora di più le mamme.

yoga-1

  • Respira. Sembra una cosa scontata e banale ma troppo spesso ci scordiamo di respirare e di farlo nel modo giusto. Il respiro lento e calmo che parte dalla pancia per poi estendersi al torace, alle clavicole e alla testa invece ci ossigena, ci rigenera, aiuta a eliminare la negatività e riportare calma nella mente. Quando l’ansia ci assale prendiamoci un momento per respirare davvero.
  • Non dire non ce la faccio ma accetta i tuoi limiti. Quando ci si cimenta in una posizione yoga avanzata dire “non ce la farò mai” porta solo al risultato di bloccarsi e non farcela davvero (lo so bene perchè l’ho fatto e lo faccio). E’ invece importante provare e ascoltare il proprio corpo per capire fin dove si può arrivare ed avere pazienza di riprovare la volta successiva.
  • Abbi pazienza. Ecco la pazienza, questa sconosciuta. A volte è proprio difficile e vorremmo solo lanciare qualcosa contro il muro o sfogarci col primo che ci capita a tiro (poraccio come diremmo a Roma!), è vero. Però la pazienza praticata un po’ per volta a piccoli passi porta a grandi risultati. Per una mamma poi la pazienza è proprio la condizione essenziale per affrontare la giornata senza dare di matto.
  •  Rilassa il viso e sorridi. Può sembrare una cosa molto zen e poco pratica ma in realtà tutti i giorni concentriamo tantissime tensioni sulla mascella e tendiamo a contrarre il viso. Questo – oltre a facilitare la comparsa delle rughe e noi non le vogliamo mica – non fa altro che farci affrontare la giornata nel modo sbagliato. Eliminiamo le contrazioni sul viso e proviamo a sorridere.
  • Sii gentile. Gentilezza chiama gentilezza, proviamo noi per prime ad essere gentili con gli altri e verremo quasi sicuramente ricambiate. O se non succederà ci sentiremo comunque bene con noi stesse e a posto con la coscienza.

Tentar non nuoce, no? Mamme o no aiutiamoci noi per prime a pensare pulito e vivere meglio.

Herman e Rosie: New York, la musica e la felicità inattesa

Era da un bel po’- troppo un bel po’- che complice il periodo incasinato e pieno di cose stressanti da fare non avevo più un colpo di fulmine per un libro per bambini. Ma a dirla tutta ultimamente pur avendo letto tanto durante l’estate sto trovando difficoltà a trovare un libro davvero appassionante anche per adulti per cui se avete consigli sono ben accetti. Ecco però che come spesso capita quando se ne ha più bisogno è arrivato un albo illustrato da colpo al cuore e da spazietto da trovare per forza nella libreria. Si tratta di Herman e Rosie di Gus Gordon (bravissimo scrittore ed illustratore australiano) edito da Motta Junior e pubblicato per la prima volta nel 2012. Un gioiellino a tratti malinconico ma che parla di amore, speranza, possibilità di cambiamento e felicità in una cornice meravigliosa come quella di New York. E il tutto a ritmo di musica.

herman-e-rosie-copertina

herman-e-rosie

Andiamo a conoscere chi sono Herman e Rosie (entrambi animali umanizzati). Herman Schubert è un coccodrillo che si diletta a suonare l’oboe mentre Rosie Bloom è una cerbiatta che ama cantare e lo fa per passione la sera in un jazz club. La musica è l’unica salvezza nella vita dei nostri due deliziosi protagonisti: anime profonde perse in una città enorme come New York che può offrirti mille possibilità di divertimento, culturali e di lavoro ma può anche farti sentire incredibilmente solo e spaesato. Ancora di più se per mantenerti fai un lavoro senza stimoli che non rientrava tra le tue aspirazioni della vita: Herman sta chiuso tutto il giorno in un call center come venditore mentre Rosie fa la lavapiatti in un ristorante. Abitano nella stessa strada, hanno gusti simili (entrambi ad esempio amano i documentari sull’oceano) e le loro vite sono sempre in qualche modo collegate, si sfiorano tutti i giorni nelle loro solitudine mentre cucinano, mentre si spostano per la città o mentre si esercitano a casa ma senza saperlo.

herman-e-rosie_-solitudine-in-citta

Un giorno entrambi perdono il lavoro e la loro vita diventa molto triste. Si rinchiudono così nel loro piccolo mondo casalingo dove si sentono protetti e al sicuro ma finalmente in una giornata di sole decidono di uscire fuori ad immergersi nella città, a respirare aria fresca e a vivere la bellezza di New York con i suoi parchi, i suoi grattacieli, le sue strade piene di possibilità ed il suo cibo calorico e poco salutare ma così confortevole! Cosa succede quando Herman e Rosie si incontrano? Perché ovviamente si incontreranno, ve lo svelo già. Il loro incontro una notte al chiaro di luna darà nuova speranza alle loro vite e l’amore per la musica li farà rinascere e tornare a vivere con entusiasmo. Perché dopo la crisi arriva il lieto fine.

Il libro è davvero bello oltre che per la storia che sembra un vecchio film ambientato a New York anche per la grafica molto curata: colpisce infatti già dalla copertina nella quale è raffigurato un vinile che sbuca fuori da una vecchia busta ma l’albo è anche pieno di collage, vecchie foto, cartoline e finte macchie di caffè che lo rendono molto vintage e raffinato. Mettete su un vecchio giradischi con un vinile di musica jazz e immergetevi nel mondo raffinato di Herman e Rosie. Non ve ne pentirete!

 

 

3 libri per bambini per l’estate

È stato un periodo di pieni e di grandi vuoti da colmare, di mancanze, nostalgie e di cambiamenti pronti ad accogliermi, di sconfitte, di nuove sfide, di speranze…insomma una bella matassa da cui siamo tutti attraversati più o meno in tante fasi della nostra vita ma che quando tocca a te in prima persone beh aiuto! Il primo a risentirne con me in questo caso è stato il blog che langue e piange inevitabilmente ma è qui pronto ad essere rivitalizzato.

L’estate è un momento di ricarica, di ripresa e di stacco in attesa della ripartenza e non possono quindi mancare dei libri a farci da compagnia e supporto in città, al mare o ovunque ci porti la nostra vita. Ce ne sarebbero un’infinità da scegliere ma preferirò il “pochi ma buoni”.

  • il piccolo giardiniere“Il piccolo giardiniere” di Emily Hughes edito da Settenove: splendido, luminoso e ad ampio respiro estivo anche solo per le illustrazioni morbide e setose di questa autrice meravigliosa che abbiamo già conosciuto con Selvaggia. Narra la storia di un giardiniere in formato mini che si dedica anima e corpo alla cura del suo spazio verde, ci mette tutto l’impegno possibile ma nonostante si sforzi al massimo la sua dedizione e la sua fatica non vengono ripagate. Il giardino è pieno di erbacce, è secco e non produce nessun buon risultato tranne un unico fiore rosso bello e rigoglioso. E qui c’è la svolta essenziale del libro perché il nostro piccolo giardiniere volenteroso non pretende di fare tutto da solo ma scopre la potenza benefica del chiedere aiuto e di avere pazienza e fiducia. Rivolge una richiesta la cielo e dopo essere caduto in un sonno profondo si risveglia con un nuovo giardino curato e rigoglioso in cui il fiore rosso è solo una delle tante bellezze. Il miracolo è stata compiuto da una bambina attratta dal giardino spoglio e dalla possibilità di ridargli vita. Un grande insegnamento rivoluzionario per i bambini!

 

  • “Le vacanze degli animali” di Marianne Dubuc edito da Orecchio acerbo: è la versione vacanziera de “Le case degli animali”, altro albo bellissimo edito sempre dalla casa editrice romana. Un libro visivamente splendito e pieno di dettagli- che mi ricorda in questo i libri di Richard Scarry che leggevo da piccola- che seguendo le consegne di Topo postino ci accompagna nelle case di vacanza dei piccoli animali protagonisti sbirciandone particolari e abitudini a volte anche molto buffe. Dalla giungla all’isola deserta, dal bosco alla città l’esplorazione sarà divertente per piccoli e grandi.

Le case degli animali_cover

  • “Un mare di tristezza” di Anna Iudica, Chiara Vignocchi , Silvia Borando edito da Minibombo: come? La tristezza in vacanza? Ebbene sì, le emozioni in tutta la loro vasta gamma fanno parte della vita dei bambini e degli adulti in qualunque stagione e il tempo libero delle vacanze può far emergere anche sensazioni non troppo positive che non ci aspettiamo. Accettarle e farci i conti senza evitarle è però un compito fondamentale da insegnare ai bambini. Minibombo ci prova (e ci riesce!) con questo piccolo albo delizioso in cui un pesciolino triste e sconsolato decide di farsi una nuotata per risollevarsi il morale. Durante il suo percorso però incontra solo altri pesci ancora più tristi di lui: polpi, triglie, sogliole, pesci palla sono tutti abbattuti, mogi, desolati (ottimo modo per insegnare tanti sinonimi ai bambini). Ad un certo punto però una tartaruga saggia propone al nostro pesciolino un punto di vista diverso: se fosse la prospettiva ad essere sbagliata? Se bastasse fare il percorso al contrario per scoprire espressioni ed emozioni diverse? Ed ecco che leggendo la storia a ritroso tutto prende una piega più gioiosa e felice! Un piccolo libro sull’empatia e le emozioni da portare con sé durante le vacanze.

home.mare

È il caso di prendere un cane in famiglia?

Ecco se chiedete a me in questo momento della mia vita se sia il caso di prendere un cane a casa vi risponderò comunque si. Anche se è un impegno grandissimo, anche se porta via tempo, vi fa preoccupare, vi impone un’organizzazione precisissima delle vacanze e quando si ammala perché è anziano e sta per lasciarvi ci si sente morire dentro perché un pezzetto di cuore se ne va con lui. Vi dico comunque di si perché i vantaggi sono talmente tanti, l’amore che porta nella vostra vita, le emozioni, le gioie, i ricordi insieme, le avventure, le chiacchierate a tu per tu che solo lui capisce (sì anche quelle senza andare alla neuro) sono infinitamente superiori alle cose negative. Certo un cane è come una persona con necessità e bisogni e l’impegno non va preso sotto gamba soprattutto se già ne avete tanti altri e le giornate sono tutta una corsa. Ma la risposta è sì, fatelo.

un cagnolino in famiglia (1)

Vi elenco qualche motivo semplice e un po’ banale ma allo stesso tempo vero e provato per esperienza diretta con la mia cagnolina di quasi 15 anni. Non ho bambini ma sono fanciullina dentro (giusto lì)!

  • Un cane sarà un grandissimo amico, compagno di giochi e di avventure per i bambini. Una fonte di affetto e di amore incondizionato, reciproco e sempre ricambiato
  • Avere un cane insegna a prendersi cura di un altro essere vivente, insegna il rispetto, l’attenzione e la costanza
  • Vivere con un cane aiuta il bambino a sviluppare l’empatia, la comprensione delle emozioni altrui e l’espressione delle proprie
  • Avere un cane aiuta a socializzare con gli altri e non sentirsi mai soli
  • Carezzare e coccolare un cane rilassa e scioglie lo stress di tutta la famiglia

N.d.r. Questo post è stato realizzato con abbondante consumo di fazzoletti causa cagnolina malata al seguito.