5 buoni motivi per andare a vedere la mostra The art of the brick

Chi di noi da piccolo non ha creato orribili e disastrose costruzioni con i mattoncini Lego? Ok parlo per me e magari voi eravate geniali eredi di Renzo Piano ma io non sono mai andata oltre una torre sbilenca o un tentativo di astronave che somigliava di più ad un cassonetto dell’immondizia. Quindi quando ho visto la mostra The art of the Brick beh sono rimasta a bocca aperta praticamente davanti a tutte le sculture/ideazioni/genialità dicendo sempre “ommioddio come ha fatto?! Che pazienza ha quest’uomo?!”. Non vi basta e volete 5 motivi per andare a vederla anche con i bambini? Ecco qua!

  • Potrete constatare con mano che la curiosità, il coraggio e la voglia di cambiare stravolgendo tutto e andando controcorrente ripagano sempre (o vabbè almeno quasi). L’autore delle sculture di mattoncini Lego è Nathan Sawaya, statunitense avvocato che ad un certo punto nel 2004 ha deciso di mollare il suo lavoro ben pagato e sicuro per dedicarsi a tempo pieno alla sua grande passione: creare, incastrare, incollare con i mattoncini colorati più famosi del mondo. Ed è diventato uno degli artisti più quotati al mondo! Un ottimo esempio per i piccoli, per esercitare il coraggio di uscire dagli schemi non solo come un rischio ma come una grossa opportunità.

lego the art of the brick

  • Potrete riscoprire il bambino che è in voi, rimanere stupefatti, stimolare la curiosità e la fantasia dei bambini, la voglia di mettersi in gioco e provare a fare e disfare. The art of the brick è una mostra che suscita emozioni belle e positive ma mettete in conto che almeno per un po’ di tempo avrete la casa invasa di mattoncini che calpesterete di notte al buio urlando di dolore!

testa the art of the brick

  • Farete un tuffo nella storia dell’arte con opere reinterpretate in modo meraviglioso da Nathan Sawaya a colpi di mattoncini. L’urlo di Munch, la Gioconda, la Venere di Milo, il bacio di Klimt, la ragazza con l’orecchino di perla di Vermeer e non vi dico troppo per non rovinarvi la sorpresa ma vi assicuro che si resta davvero stupefatti davanti a tanta bravura e perfezione.

20151117_191219

20151117_190820

20151117_185200

  • Vi divertirete un mondo vedendo una mostra originalissima che ha già riscosso un successone in Europa e nel mondo ed è stata classificata dalla Cnn come una delle 10 mostre da non perdere al mondo. Vi aggirerete in un percorso espositivo fatto di oltre 80 opere d’arte tutte in 3d!

20151117_193019

  • Potrete ammirare, tra le altre meraviglie, un T-rex fatto di un numero infinito di mattoncini Lego e lungo ben 7 metri! Quale bambino potrà resistere? E no neanche voi adulti lo farete.

20151117_194233

Avete tempo fino al 14 febbraio e vi direi di sfruttare al massimo le vacanze di Natale per una puntatina allo spazio espositivo Set in via Tirso a Roma. Fatemi sapere!

Se fossi Matisse…

Cosa farei se Matisse? Beh a parte il fatto che per ovvie ragioni ora non sarei qui a scrivere al computer ma mi troverei in un posto un po’ più buio e freddo (argh!) ora non starei neanche qui a perdere la pazienza mentre invio curriculum in cerca di un lavoro ma sarei immersa in un mondo di colori e fantasia (iniziamo a sognare). Quanto fascino ha la vita del pittore? Su di me moltissimo e l’albo illustrato di cui vi voglio parlare ha quindi attratto subito la mia attenzione e curiosità. Si chiama “Se io fossi Matisse” scritto da Patricia MacLachlan con illustrazioni di Hadley Hooper e pubblicato da Motta Junior. Matisse tra l’altro è sempre stato uno dei miei preferiti in assoluto (per la serie ma che ce frega ma che ce ‘mporta).

se fossi matisse

Un albo semplice, delicato ed istruttivo che può accompagnarci o precedere la mostra “Arabesque” dedicata appunto al grande Henri Matisse che si svolge a Roma alle Scuderie del Quirinale fino al 21 giugno. Uno degli appuntamenti romani da segnare in agenda insieme ad esempio alla mostra dedicata a Chagall al Chiostro del Bramante (dove spero abbiate già visto quella bellissima su Escher che c’è stata lo scorso autunno) per una primavera all’insegna dell’arte, che non guasta mai.

Il libro ci parla dell’infanzia di Matisse, di come un bambino cresciuto in una piccola cittadina francese di provincia grigia e cupa, dotata di pochi stimoli, sia potuto diventare uno dei maggiori pittori dell’epoca moderna ed esponente principale del movimento dei Fauves. Leggendo l’albo scopriamo che gran parte del merito va alla mamma di Henri, dotata di grande sensibilità artistica ed in grado di stimolarlo alla sperimentazione, alla libertà di espressione, al gioco attraverso i colori: ci troviamo infatti alle prese con una mamma che dipinge i piatti, che colora le pareti di rosso, che trasforma la cucina in un laboratorio, che coinvolge il figlio nella scelta dei fiori e delle stoffe, che rende la spesa al mercato un’esperienza artistica, che fa allevare al figlio piccioni dalle piume colorate. Una mamma “illuminata” dalla quale prendere esempio: non tutti i bambini diventaranno grandi pittori, certo, ma con un’educazione del genere svilupperanno sicuramente sensibilità e passione (doti non da poco).

matisse2

Un albo bello pieno di colore ed amore per l’arte, quell’amore fondamentale da instillare nei bambini prima possibile, educandoli alla bellezza e alla ricerca della luce nelle giornate cupe. Racconto breve ed immagini splendide rendono questo libro adatto a bambini dai 4/5 anni.

Buona lettura e poi buona mostra su Matisse! Ci andrete?

“Come mangiare vermi fritti”e “Come diventare favolosamente ricchi”

Vi ho mai parlato di Billy Forrester? No a dispetto del cognome non è uno dei personaggi di Beautiful (vade retro!) ma il protagonista simpaticissimo e un po’ matto di due libri scritti da Thomas Rockwell, illustrati da Umberto Mischi e pubblicati in Italia da Biancoenero edizioni (piccola casa editrice romana che mi piace un sacco). Lo scorso anno era stata pubblicato “Come mangiare vermi fritti” mentre da poco è uscito “Come diventare favolosamente ricchi”: due romanzi brevi divertentissimi editi con il font biancoenero ad alta leggibilità, ovvero un’impaginazione studiata appositamente per rendere facile e leggera la lettura anche ai bambini e ragazzi che hanno qualche problemino di lettura. Perfetti dagli 8-10 anni per i bambini che si avvicinano per la prima volta a dei libri di lunghezza un po’ più consistente e per chi ha delle difficoltà di lettura. Vi assicuro che sono esilaranti e possono essere un bel regalino per il Natale che inesorabilmente si avvicina.

Di cosa parlano? In “Come mangiare vermi fritti” quel mattacchione di Billy è un ragazzino che non si spaventa di fronte a nulla ed accetta una scommessa a dir poco schifosa: mangiare ogni giorno per 15 giorni un verme (un verme vero!) cucinato in qualunque modo purchè sia un verme e non se ne faccia polpette in modo da mantenere intatto il livello di schifezza. Il tutto per 50 euro e per non fare la figura del vigliacco davanti ai suoi amici. Billy è un tipo determinato e tra varie peripezie e imbrogli credo proprio che ce la farà nell’impresa schifosa che ai bambini piacerà tanto!

come mangiare vermi fritti

Billy non si ferma davanti a niente e anche se è passato un po’ di tempo non sa resistere al fascino delle scommesse e ci ricasca. Stavolta in “Come diventare favolosamente ricchi” si tratta di giocare alla lotteria tutte le settimane nella piena convinzione di vincere prima o poi…e la determinazione (oltre alla pericolosa fissazione per il gioco) paga sempre perché Billy vince 410.000 dollari! Si renderà però conto che i soldi non fanno la felicità e che portano grandi e complicate conseguenze da gestire con le persone che ti sono intorno.

come-diventare-favolosamente-ricchi_biancoenero

Entrambi i romanzi hanno una comicità leggera che intrattiene e conquista, ci si affeziona al protagonista, alla sua simpatica “follia”, ai suoi amici e alla sua famiglia che cerca sempre di farlo ragionare con scarsi risultati. Provare per credere! E se volete conoscere meglio il suo mondo non vi resta che andare a Più libri più libri-la fiera della piccola e media editoria che si terrà a Roma al palazzo dei congressi dell’Eur dal 4 all’8 dicembre, passare allo stand di Biancoenero e partecipare agli appuntamenti con l’autore e con l’illustratore!

Conoscevate già Thomas Rockwell e i suoi divertentissimi libri?

ll 20 novembre festeggiamo i diritti dei bambini

Che giorno è il 20 novembre? Sì è un giovedì di un mese un pò banale e siamo vicini al week ma a parte questo? E’ la giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che serve a ricordarci che ogni bambino ha diritto ad essere sereno, sano e a vivere sicuro e protetto anche se purtroppo in tanti Paesi del mondo questa conquista è lontanissima. Quest’anno ricorrono inoltre i 25 anni dall’approvazione della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia, mica roba da niente. Bisogna festeggiarla una giornata così! Come? Vi suggerisco un libro e qualche bella iniziativa romana e non.

T-eaada3f0697c345edeca9d96a94a8f26-150x299Il libro è “Il cammino dei diritti” scritto ed illustrato da Janna Carioli ed Andrea Rivola in collaborazione con Amnesty International ed edito da Fatatrac. Un albo illustrato che affronta temi importanti, ci racconta grandi eventi in cui l’umanità si è sentita unita e l’uomo ha fatto la differenza in un’ottica di giustizia e moralità. Un libro poetico e potremmo dire solenne (parola azzardata?) in cui attraverso brevi poesie ed immagini suggestive si fa avvicinare i bambini alla conoscenza di grandi personaggi della storia che hanno tracciato il cammino verso il riconoscimento di diritti fondamentali per l’uomo. Un cammino non facile, spesso in salita (ma nessuna cosa bella è mai facile no? te pareva!) e che non bisogna mai smettere di percorrere. Un albo per bambini non piccolissimi per i temi affrontati ma che si può leggere a vari livelli, da diffondere e far conoscere. Il libro è collegato a tutta una serie di eventi e ad un hashtag #ilcamminodeidiritti da seguire per rimanere aggiornatissimi.

Si può poi andare nelle biblioteche di Roma alla scoperta di un mare di iniziative che potete spulciarvi su questo sito interessante: conferenze, giochi, spettacoli e presentazioni di libri in varie parti della città.

Inoltre dopo aver letto il libro e gironzolato per biblioteche si può festeggiare anche in piazza nel weekend successivo con una bellissima iniziativa che si ripete ogni anno grazie a Telefono azzurro, associazione a cui sono molto legata avendo fatto da loro il tirocinio, il servizio civile e due anni di bellissimo volontariato. Il 22 e 23 novembre si possono comprare in piazza le casette di luce blu di Telefono azzurro con un contributo economico che andrà a favore dell’associazione che lotta da anni per la difesa dei diritti dei più piccoli e per la loro tutela su più fronti. Tanto un passeggiata domenicale la facciamo tutti no?  Via ai festeggiamenti!

telefono-azzurro casette di luce

A Roma poesie e colori fanno rivivere il Trullo

Anche chi non vive a Roma sa che la città eterna è tanto bella quanto incasinata, trafficata, disorganizzata e dotata di mezzi di trasporto che farebbero perdere la pazienza anche a un Santo certificato. Però prendendosi un po’ di tempo e di buona volontà, oltre ai monumenti e ai palazzi antichi e bellissimi che rendono comunque Roma una città affascinante, si scorgono segnali di innovazione, bellezza e creatività dove meno potremmo aspettarcelo. Basta fare un giro in quartieri periferici e fino a poco fa poco considerati per rendersene conto. Un’ottima idea è andarci insieme ai bambini che rimarranno sicuramente entusiasti di tutta questa vivacità. È il potere della nuova street art in continua evoluzione di cui ho iniziato a parlare qualche tempo fa a proposito dei quartieri Ostiense e Quadraro e poi di San Basilio.

Qualche giorno fa armata di macchinetta fotografica sono invece andata a fare un giro al Trullo, un quartiere non proprio centrale della capitale, alla scoperta dei Poeti anonimi e dei pittori der Trullo. Questi artisti per lo più sconosciuti hanno riempito il quartiere popolare di poesie in romanesco, colori e murales. Perfetto per una passeggiata in famiglia fuori dalle solite mete. Andiamo? Il giro non è lungo e non prevede grandi sforzi. Più che altro la difficoltà sta nel trovare il Trullo se come me non siete di zona e vi sembra di essere fuori città. Sempre sia lodato il Tom tom!

Ironia, colore e poesia sono gli elementi che ci accolgono entrati in questo quartiere che mantiene ancora intatto il fascino della Roma vecchia e popolare di Pasolini intrisa di romanità verace. Romanità di cui si trova ancora traccia nella osterie di vini e olii piene di vecchietti ubriachi e in preda alla ridarella (che in due minuti può trasformarsi in voglia di rissa) già alle cinque del pomeriggio. E ospitali come non se ne trovano più. A proposito attenti a farvi offrire un quartino di vino in pieno pomeriggio e a stomaco vuoto! Un quartiere pieno di piazzette e cortili dove si chiacchiera con calma e tranquillità, un po’ sospeso nel tempo.

Lasciatevi coinvolgere e partite con il giro (da sobri!) per fare il pieno di colori e bellezza. Eh si perché a partire dall’ex centro sociale “Il faro” su via del Trullo, che è stato arricchito da murales bellissimi tra cui uno di Corto maltese, è tutto un proliferare di scale, muri dei palazzi, fontane, paletti e strisce pedonali di tantissimi colori: rosa, giallo,verde, azzurro, rosso, blu.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Passeggiate poi per via di Massa Marittima dove dopo qualche metro percorso tra negozietti caratteristici verrete travolti dal murales di Nina realizzato da Flavio Solo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERAOLYMPUS DIGITAL CAMERA

Una ragazza bellissima in stile fumettoso dai capelli nero corvino che piange delle lacrime su un fazzoletto bianco. Nina è magnetica (non può non incantarvi) , è ormai famosa nel quartiere (un signore anziano me l’ha indicata come “la Madonnina che hanno fatto quelli!”) e si trova su un muro circondato da pareti dai mille colori e da poesie in romanesco scritte da alcuni dei sette poeti anonimi della periferia romana che si definiscono metro romantici.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Che ne dite di questo quartiere in evoluzione tutto da scoprire? Andrete a farci un giro, magari in famiglia? 

In giro per la street art romana Volume 2

Sabato pomeriggio. Fa caldo ma non è una di quelle giornate in cui si gocciola solo a muoversi, il mare è stato rimandato a domenica quando poi verrà rimandato di nuovo alla settimana prossima causa traffico e pigrizia (grandi risultati!), la serata è già impegnata  e il pomeriggio va impiegato in qualche modo. Che fare? Continuare il tour della street art romana! Dopo il Quadraro e il quartiere Ostiense è toccato al semideserto quartiere di San Basilio. Ci siamo solo noi, qualcuno a spasso col cane e bambini con pistole giocattolo affacciati alle finestre a sparare ai passanti che fanno un po’ Gomorra. Atmosfera ai limiti del surreale.

Il quartiere avrebbe delle potenzialità, è ricco di spazi verdi ed aggregativi, ha un aspetto retrò e un atmosfera paesana in senso buono. Potrebbe sembrare una piccola Garbatella ma è abbastanza fatiscente e questo gli dà un aspetto un po’ triste nonostante la giornata di sole che spacca le pietre. L’intervento di riqualificazione urbana e culturale portato da murales mi sembra provvidenziale dopo una passeggiata per le strade semideserte di San Basilio. L’artista spagnolo Liqen e il foggiano Agostino Iacurci hanno fatto un lavoro splendido realizzando quattro opere enormi realizzate sulle facciate di altrettanti palazzi. Opere coloratissime e ricche di particolari che affascinano e di  cui i bambini andranno matti, ne sono sicura. Restarne incantati è facilissimo anche per gli adulti, figuriamoci per loro!

Ma chi sono Agostino Iacurci e Liqen? Iacurci è giovanissimo (ma del resto non ci aspettiamo street artist ottantenni): classe 1986 crea opere d’arte di strada in varie parti d’Europa tutte riconoscibili per il tratto piatto, le forme geometriche, i colori brillanti e la grande simpatia che emanano. Liqen, classe 1982, ha uno stile totalmente diverso da quello sintetico di Iacurci e lo si capisce anche solo guardando “El devenir” e “El renacer” realizzate per San.ba: opere stracolme di particolari e simbolismi che richiederebbero ore per essere colti tutti. Quella con i fiori da cui escono animali e persone è incredibile!

Le foto non rendono benissimo l’idea della bellezza dei murales (se siete a Roma andate a vederli) ma ecco qua il risultato del mini tour.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Non è meraviglioso questo enorme rastrello rosso che spazza via tutte le macerie?

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un’esplosione di fiori e colori con El devenir di Liqen. Meriterebbe ore di attenzione (peccato per il sole a picco che non ha facilitato)


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’integrazione con le persone del posto sembra sia stata fondamentale per i due artisti che si sono sentiti accolti e benvoluti in un quartiere non sempre facilissimo. Daje coi pranzi e i caffè!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’inconfondibile tratto di Agostino Iacurci.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La street art di Roma non finisce qui e i tour continuano. Prossima meta la metro Spagna e dintorni. Avete altri suggerimenti?

La nuova street art romana: perché non proporla anche ai bambini?

Stavolta non parlo di una mostra di illustrazione per bambini o di un evento in libreria ma di un museo all’aria aperta che si sta via via creando in varie zone per lo più periferiche di Roma. Un percorso non convenzionale nella street art che potrebbe piacere molto anche i bambini, educandoli così con una semplice passeggiata in famiglia alla bellezza e all’arte che non si trova solo chiusa in un museo grande ed imponente. Roma, città incasinata in cui sono nata e vivo ma che odio ed amo (sognando di scappare in una tranquilla e fresca cittadina della Svezia, sbav!) sta diventando regina dell’arte di strada che riserva sorprese ad ogni angolo. Città dei murales fatti ad arte da ragazzi pieni di talento che trasformano un banalissimo e triste muro in un’opera d’arte colorata, a volte divertente o ricca di significato. Ci sono Blu, Lucamaleonte, Alice Pasquini, Agostino Iacurci, Liquen, Dilka Bear, Kid acne, Sten&Lex, Herbert Baglione e tantiiiiiiii altri.

 Io mi sto appassionando a questa forma d’arte emozionante e alla quale finora avevo dato poco spazio. Per adesso ho fatto due tour domenicali, uno nel quartiere Ostiense ed uno al Quadraro ma ho già le prossime mete: San Basilio che resta un quartiere ultra-periferico e non proprio da passeggiata del sabato pomeriggio ma sembra sia diventato un fiorire di palazzi decorati da murales immensi (grazie al progetto San.Ba.) e la metro Spagna ormai abbellita in ogni parete, anche se bisogna andarci folla permettendo. Tra l’altro nel progetto San.ba sono stati coivolti anche bambini e ragazzi di tre scuole del quartiere che hanno contribuito alla trasformazione della zona all’insegna della cura e della bellezza tramite progetti guidati da giovani street-artist.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tantissime foto dei miei due mini tour sono sul mio profilo Instagram, mezzo che mi piace tantissimo per documentare questa forme d’arte e non solo, ma ho iniziato a portarmi dietro anche la macchinetta fotografica e a scattare qualche foto. Queste sono lontane dall’essere decenti ma miglioreremo (speriamo!).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA                                                          (una piccola e storta me sotto al tunnel del Quadraro)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA                      (L’altro lato del tunnel: “ai pensieri liberi, alle paure, agli amori volanti, nel passaggio tra i due tempi”)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il percorso nella street art romana continua, questo era solo un piccolo assaggio… Voi avete già fatto qualche tour alla scoperta dell’arte di strada? Vi piace?